Chi è online

 8 visitatori online

Pagine Visitate


Filippo Basile

Benvenuto nel sito Di.R.Si.
Audizione in II e I commissione ARS PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 22 Gennaio 2016 13:27


Il giorno 14 gennaio 2016 alle ore 11.00 la seconda commissione bilancio dell’ARS ha convocato Eugenio Patricolo e Gabriella Santaguida quali Segretario Regionale e Segretario Regionale Aggiunto della nostra associazione sindacale in merito alle previsioni di cui all’art. 9 del disegno di legge n. 1133 “Disposizione Programmatiche e correttive per l’anno 2016. Legge di Stabilità Regionale”. La convocazione per l’audizione era rivolta, oltre che alla nostra organizzazione sindacale, anche all’Assessore Regionale per l’economia, all’Assessore regionale per le autonomie locali e la funzione pubblica, nonché ai rappresentanti del sindacato autonomo SADIRS . Gli altri soggetti convocati non si sono presentanti e pertanto, l’audizione al V punto dell’O.d.G. ha riguardato esclusivamente la nostra associazione che, con il proprio intervento, ha rappresentato l’assoluta contrarietà ad un ulteriore taglio di 5 milioni di euro del fondo per la retribuzione di posizione e di risultatodella dirigenza, in considerazione delle precedenti riduzioni intervenute negli ultimi anni.
Al termine dell’audizione sono stati consegnati al presidente Vinciullo le osservazioni formulate dalla nostra O.S. sui diversi commi dell’art. 9 del Disegno di Legge oltre ad un articolato contenente risparmi di spesa, sui quali si potrebbe intervenire quali per esempio la limitazione del ricorso al personale esterno dell’amministrazione regionale, senza accanirsi costantemente sulla categoria dei dirigenti come ormai avviene da tempo e , in ultimo, con la L.R. 9/2015 i cui effetti ancora non si conoscono.


Il Presidente Vinciullo con gli altri deputati presenti ha comunicato che è intenzione della commissione bilancio non trattare l’articolo 9 del disegno di legge n. 1133, ritendo che i temi proposti non sono inerenti la Legge di stabilità, ma vadano affrontati con un apposito disegno di legge di riorganizzazione dell’amministrazione regionale.


Qui di seguito ti riporto il link al video su You tube dell’audizione del 14 gennaio u.s.

https://www.youtube.com/watch?v=R2lMgWpYtlk

Successivamente, il giorno 19/01/2016 la I commissione Affari Istituzionali dell’ARS ha convocato tutte le Organizzazione Sindacali compresa la nostra Associazione per l’audizione relativa alle previsioni di cui all’art.9 della Legge di stabilità regionale. Anche in quella seduta la DIRSI ha ribadito la posizione già rappresentata nell’audizione in II commissione, facendo rilevare le diverse incongruenze e criticità dell’art.9 alla luce della imminente riorganizzazione dell’amministrazione regionale ex art. 49 della L.R. 9/2015. Nella seduta del 19/01/2016 erano presenti anche l’Assessore Lantieri e il dirigente generale del Dipartimento della Funzione Pubblica dott.ssa Giammanco che hanno criticato il taglio dei 5 milioni di euro proposto dall’Assessore Baccei, attesa la previsione dell’art.49, commi 1 e 27 e dell’art.52, comma 3  della l.r. n.9/2015 concernente l’imminente riorganizzazione e l’abbattimento automatico del trattamento accessorio della dirigenza in proporzione al numero dei collocati in quiescenza nell’anno precedente.





LA SEGRETERIA REGIONALE

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 22 Gennaio 2016 13:32 )
 
RIORGANIZZAZIONE PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 13 Gennaio 2016 12:09

Abbiamo finalmente ricevuto la proposta di riorganizzazione dell'amministrazione che prevede  la riduzione di 621 strutture, pari al 30,16% delle strutture attuali complessive.

Qui di seguito riportiamo i link per scaricare i funzionigramma Dipartimento per Dipartimento ed il prospetto riassuntivo.
E' stata richiesta  la concertazione, pertanto vi chiediamo di farci avere le vostre osservazioni tramite email all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro il 20/01/2016.

Dipartimento Regionale Acqua e Rifiuti
Dipartimento Regionale Affari Extraregionali

Dipartimento Regionale Agricoltura
Dipartimento Regionale Ambiente
Dipartimento Regionale Attività Produttive
Dipartimento Regionale Attività Sanitarie
Dipartimento Regionale Autonomie Locali
Dipartimento Regionale Beni Culturali
Dipartimento Regionale Bilancio
Comando Corpo Forestale
Dipartimento Regionale Energia

Dipartimento Regionale Famiglia
Dipartimento Finanze e Credito
Dipartimento Funzione Pubblica
Dipartimento Regionale Infrastrutture
Dipartimento Regionale Istruzione
Dipartimento Regionale Lavoro
Dipartimento Regionale Pesca
Dipartimento Regionale Pianificazione strategica
Dipartimento Regionale Programmazione
Dipartimento Regionale Protezione Civile
Segreteria Generale
Dipartimento Regionale Sviluppo Rurale
Dipartimento Regionale Tecnico
Dipartimento Regionale Turismo
Ufficio Legislativo e Legale
Dipartimento Regionale Urbanistica


Prospetto Numerico Riassuntivo del piano di rimodulazione dell'assetto organizzativo

 

 

 

 
Stato di Agitazione della DIRIGENZA PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 18 Dicembre 2015 09:02

In questi ultimi due giorni ci siamo trovati a dover fronteggiare un attacco particolarmente grave alla Dirigenza.
Tutti quanti noi abbiamo attivato i canali a noi conosciuti per bloccare l'art.9 di questo scempio di Finanziaria.
L'aula riprenderà i lavori Lunedì e se non riusciremo a fermarla prima, stiamo predisponendo il terreno per avviare una stagione dura di lotta.

Vi chiamiamo a difendere la nostra categoria con tutti i mezzi a nostra disposizione.

Vi aggiorneremo con le ultime notizie via email.


Intanto riportiamo qui di seguito l'indizione dello stato di agitazione già trasmesso alle istituzioni, alla stampa e a tutti i parlamentari.

Silvana Balletta


 

Questa O.S. ha appreso dagli organi di informazione che è in discussione il testo di  un DDL “Legge di Stabilità Regionale” per il 2016 che prevede interventi altamente penalizzanti per la dirigenza regionale su materie demandate alla contrattazione collettiva, determinando un comportando che lede le corrette relazioni sindacali.

Questa O.S. ha già formalmente richiesto l’avvio delle trattative per il rinnovo del CCRL nel cui ambito vanno ricompresi il trattamento economico fondamentale ed accessorio dei dirigenti e le modalità ed i criteri di attribuzione.

La materia tutta esula dalla competenza del legislatore regionale e qualunque statuizione si pone in contrasto con l’art.117 secondo comma lettera l) della Costituzione che riserva alla competenza esclusiva dello Stato la materia dell’ordinamento civile e quindi dei rapporti di diritto privato regolabili dal codice civile (Sentenza Corte Cost. n 189/2007).

Al fine di fare chiarezza e di consentire la possibilità di presentare proposte alternative che meglio possano garantire il funzionamento della macchina amministrativa

CHIEDIAMO

di essere convocati per avviare corrette relazioni sindacali.

 

Considerate le possibili lesioni della dirigenza tutta e al fine di impedire l’ennesimo intervento sul Fondo della Dirigenza già ripetutamente ridotto ed ora pesantemente tagliato dalla L.R. 9/2015 si indice lo

STATO DI AGITAZIONE

del personale della Dirigenza della Regione Siciliana e degli Enti di cui all’art. 1 della L.R. 10/2000

 

Il Presidente

Silvana Balletta

 

Il Segretario Regionale

 

Eugenio Patricolo

 
COMUNICATO 16/12/2015 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 17 Dicembre 2015 09:48


La proposta presentata alla Giunta di Governo da parte dell’Assessore Baccei, relativa alle Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2016, riporta all’art. 9 l’ennesimo tentativo di destabilizzare il comparto della Dirigenza Regionale, e con essa, di conseguenza, l’intera Amministrazione Regionale su cui si basa.

La proposta inserita all’articolo 9 del D.D.L. svilisce le funzioni ricoperte da ogni singolo “Dirigente”, che risulterà tale solo ed esclusivamente se all’interno del suo ufficio gestisce almeno 16 persone, non tenendo in considerazione tutte le responsabilità che vengono assolte direttamente e su delega da parte dei Dirigenti Generali, e che permettono di sopperire, quotidianamente, alle necessità della pubblica amministrazione regionale.

Riteniamo che la proposta formulata dall’Assessore Baccei, oltre che carente dal punto di vista della compatibilità con normative e contratti vigenti, provocherà l’effetto contrario rispetto ad una paventata razionalizzazione degli incarichi, demotivando soprattutto coloro che fino ad oggi hanno contribuito con la propria buona volontà a sopperire alla carenze di una amministrazione mal governata.

La proposta infine risulta inapplicabile in una Amministrazione che ancora oggi non dispone di piante organiche, e che ha avviato da pochi mesi una fase di sfoltimento del personale di ruolo, con le procedure di pensionamento anticipato. Paradossalmente si potrebbe verificare che il preposto al Servizio di gestione dell’autoparco potrà usufruire di un incarico con un contratto remunerato con una quota di parte variabile, mentre un Dirigente preposto alla struttura che cura le problematiche del trasporto su ferrovia, con una gestione economica di capitoli di spesa per oltre 200 milioni di Euro, e con tutte le responsabilità che ne conseguono, non fruisce di un contratto perché all’interno della struttura non c’è personale sufficiente a raggiungere la fatidica quota di 16 unità.

A questo punto si innescherà il mercato del “personale regionale” che verrà assegnato da una struttura all’altra per potere garantire determinate posizioni economiche e non certo seguendo una logica di operatività e funzionalità.

Ancora una volta abbiamo la dimostrazione che chi formula determinate proposte non ha ben chiaro il lavoro che viene svolto all’interno della Regione Siciliana.

 

Invitiamo il Governo a rivedere l’articolo 9 del D.D.L. relativo al Bilancio 2016, in un’ottica di razionalizzazione funzionale dell’Amministrazione Regionale, e non di soli numeri, avviando soprattutto un serio confronto con le OO.SS. per portare a termine quanto già legiferato nell’ultima legge di bilancio.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 17 Dicembre 2015 10:00 )
 
Mancata Contrattualizzazione PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 05 Novembre 2015 22:22

In queste ultime settimane la DI.R.SI. ha indetto Assemblee sindacali presso alcuni Dipartimenti. Durante queste riunioni è emersa la mancata contrattualizzazione dei dirigenti del Dipartimento Acqua e Rifiuti, Agricoltura, e Sviluppo Rurale e Territoriale.

Abbiamo richiesto degli incontri con i Dirigenti Generali per giungere alla risoluzione nel più breve tempo possibile, in vista della imminente chiusura delle Ragionerie Centrali.

Perdurando la mancata contrattualizzazione abbiamo proclamato lo stato di Agitazione e attivato le procedure di sciopero per i dipartimenti Acqua e Rifiuti e Sviluppo Rurale e Territoriale.

Per il Dipartimento Agricoltura il Dirigente Generale ad interim Bologna, oggi, ci ha assicurato che i contratti dei dirigenti sono pronti e a breve saranno sottoposti alla firma dei dirigenti stessi. Ha confermato di avere previsto l'utilizzazione di tutte le somme assegnate di cui tuttavia ha chiesto l'incremento al Dipartimento Funzione Pubblica, e a tale scopo nei contratti ha fatto inserire la clausola di rinegoziazione ove venissero rese disponibili le ulteriori somme richieste.

 

La DI.R.SI. si è sempre impegnata a vigilare sul rispetto delle regole e del CCRL pertanto pretende la contrattualizzazione di tutti i dirigenti regionali.

 

Clicca qui per leggere le note di proclamazione dello stato di agitazione e di procedura di sciopero per:

il Dipartimento Acqua e Rifiuti

e il Dipartimento Sviluppo Rurale e Territoriale

 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 06 Novembre 2015 09:43 )
 


Pagina 1 di 35
VALID CSS   |   VALID XHTML